Logo Dimed
Home Il centro Servizi Genetica Abstract Per la gestante Per lo specialista

Ipertensione in gravidanza
(vedi anche "Gestosi" e "Flussimetria arterie uterine")


L'ipertensione in gravidanza è una patologia grave che può essere causa di morte materna, morte intrauterina del feto, morbilità e mortalità neonatale.
Le gravide ipertese sono maggiormente predisposte a sviluppare il distacco intempestivo di placenta, coagulopatie ed insufficienza epatica e renale.
Gli esiti sono condizionati dalla tempestività dell'intervento medico per cui il riconoscimento precoce della malattia è di grande importanza.

Definizione
Si parla di ipertensione in gravidanza quando la pressione massima (sistolica) è uguale o superiore a 140 mmHg e/o la pressione minima (diastolica) è uguale o superiore a 90 mmHg.
I riscontri pressori devono essere "stabili", cioè confermati in almeno due misurazioni consecutive ripetute a distanza.

Classificazione
L'ipertensione nel corso della gravidanza può essere distinta in:

  • ipertensione cronica (preesistente alla gravidanza)
  • ipertensione gestazionale (riscontrata per la prima volta in gravidanza dopo la 20a settimana di gestazione in donne precedentemente normotese)


Fattori di rischio
I fattori di rischio per l'ipertensione in gravidanza sono comuni alla preeclampsia.

Conseguenze materne, fetali e neonatali
Le gravide ipertese possono andare incontro al distacco intempestivo di placenta, a coagulopatie, all'insufficienza epatica e renale.
Frequentemente si associa riduzione della perfusione uterina (vedi "flussimetria arterie uterine") che si traduce in una riduzione della crescita fetale intrauterina. Vi è aumento della morbilità e mortalità materna, fetale e neonatale. Vi è aumento di parto prematuro e di incidenza di taglio cesareo.

Controllo e terapia
Il monitoraggio della pressione arteriosa dovrà essere eseguito quotidianamente.
La paziente dovrà evitare l'eccessivo incremento ponderale facendo attenzione all'assunzione di cibi salati.
Gli esami del sangue e dell'urina dovranno essere eseguiti frequentemente, così come i controlli ecografici e flussimetrici.
La terapia si avvale di farmaci antiipertensivi ritenuti di impiego sicuro in gravidanza.


© Dimed Informatica srl 2011. Tutti i diritti riservati. Termini d'utilizzo
Progetti Creativi. Graphic and Web Design